Meraviglioso integratore naturale…

Un abbinamento un po’ insolito…
gennaio 17, 2019
Counseling e Coaching: cosa sono e come possono aiutarci
gennaio 17, 2019

Meraviglioso integratore naturale…

Il grano saraceno è originario dell’Asia, fu introdotto in Europa ad opera dei Turchi (saraceni) durante il periodo medioevale.
Il grano saraceno non è una graminacea, fa parte della famiglia delle Poligonacee ma viene accomunato ai cereali per il suo alto contenuto in carboidrati; rispetto ai cereali ha tanti vantaggi straordinari fra cui un contenuto più completo di aminoacidi e l’assenza di glutine. Il glutine è responsabile di scatenare la patologia celiaca e anche diversi problemi nelle persone non celiache che sono sensibili a questa sostanza, sempre di più al giorno d’oggi.

Il grano saraceno contiene buone quantità di fibre, potassio, magnesio, zinco, manganese e ferro, vitamina B1, B3 ed E.
Il grano saraceno integrale, è ricco di polifenoli antiossidanti, questi impediscono ai grassi protettivi della cellula la pericolosa ossidazione, quindi sono utili nel ridurre i rischi di invecchiamento precoce e malattie, specialmente cardiovascolari, infiammatorie e tumorali.
Direi che merita proprio di essere consumato spesso, al posto di altri farinacei!

Comprate il grano saraceno in confezioni sigillate altrimenti si potrebbe alterare facilmente. Inoltre controllate l’origine, spesso proviene dalla Cina, meglio sceglierlo di origine europea o italiana, da noi è coltivato soprattutto in Valtellina e nel Sud Tirolo dove la sua farina è utilizzata nella preparazione di piatti tipici della zona come la polenta taragna ed i pizzoccheri.

 

Il grano saraceno si può acquistare nei negozi di prodotti biologici, nei supermercati è difficile trovarlo, se non come ingrediente nei pizzoccheri, dove però è unito alla farina di grano. Con la farina di grano saraceno si possono preparare anche gustosissimi dolci a base di frutta secca.
Il consumo di grano saraceno, grazie al suo alto valore proteico è anche consigliato in caso di deperimento fisico.

Chiara Marchionni