LA QUANTITÀ DI SALE CHE “NON FAREBBE MALE”…

COME RIDURRE LA QUANTITÀ DI SALE?
ottobre 3, 2018
IL MAGNESIO NEGLI ALIMENTI
ottobre 4, 2018

LA QUANTITÀ DI SALE CHE “NON FAREBBE MALE”…

Ogni grammo di sale (cloruro di sodio)  contiene circa 0,4 g di sodio.

L’effetto sull’organismo del consumo di sale può essere diverso da individuo ad individuo (anche per cause “genetiche”), però negli ultimi decenni stiamo proprio esagerando!!  Pensate che ogni giorno un adulto (in Italia) ingerisce mediamente 10 g di sale (cioè 4 g di sodio), quindi quasi dieci volte in più di quello necessario!!!.

In condizione di salute il nostro organismo può eliminare al giorno da 0,1 a 0,6 g di sodio. Per cui è solo questa la quantità che andrebbe reintegrata con la dieta. Non sarebbe necessaria l’aggiunta di sale ai cibi, il sodio contenuto in natura negli alimenti è sufficiente a coprire le nostre necessità.

Solo in condizioni di sudorazione molto marcata aumentano le perdite di sodio, quindi è utile assumere più sale.

 

  • Un consumo medio di sale al di sotto di 6 g al giorno, è considerato accettabile dagli esperti, una sorta di compromesso tra “gusto e prevenzione”.

 

  • Bisogna considerare che già gli alimenti contengono sale per cui si stima per differenza la dose di sale che può essere aggiunto, pari a circa 3-4 g (mezzo cucchiaino) al dì, per rientrare nei 6 g complessivi.

 

  • L e fonti di sodio nell’alimentazione possono essere:
  1. Alimenti al naturale (frutta, verdura, carne, ecc.) e acqua
  2. il sale aggiunto nel cucinare o a tavola
  3. il sale utilizzato per preparare i prodotti trasformati (artigianali e industriali); ad esempio le principali fonti di sale nella nostra alimentazione possono essere il pane e/o i prodotti da forno (biscotti, cracker, grissini, ecc.). Si tratta di alimenti che potrebbero contenere più sale di quanto pensiamo. Quindi “occhio” all’etichetta!

 

Chiara Marchionni