COS’È NORMALE?

“SQUISITISSIMI” FUNGHI!
ottobre 3, 2018
COSA METTIAMO SULLA BILANCIA?
ottobre 3, 2018

COS’È NORMALE?

Sto pensando a quello che sembra normale alla maggior parte di noi quando pensiamo ad alcuni alimenti. Vi sarà capitato di dire o sentir dire frasi come queste:
– Di solito mangio il pane bianco, quello “normale”.
– Vuole una pizza con impasto “normale” o integrale?
– È più buono il riso “normale” o quello integrale?
– ecc. ecc. (si potrebbe andare avanti con tanti esempi)
Tendiamo a considerare normale un cibo semplicemente perché è il più diffuso nella realtà che viviamo (realtà che si è consolidata sostanzialmente dagli anni ‘50 in poi) quindi quella è la norma. Ma se per normale volessimo intendere la forma autentica di quell’alimento in natura, allora rischia di crearsi molta confusione…

Noi interpretiamo la realtà in base al nostro punto di vista, che è frutto delle esperienze vissute, dell’educazione ricevuta,  del contesto in cui si vive (nazione, paese, tipo di società), ecc.
Quindi diamo per scontato che sia normale anche quello che proprio normale non sarebbe, essendo il frutto di lavorazioni che snaturano le caratteristiche originali dell’alimento e lo impoveriscono delle sue proprietà salutari.

È anche vero che non sempre le trasformazioni operate dall’uomo sugli alimenti sono svantaggiose … anzi a volte sono proprio utili, dipende se vengono fatte per scopo “bio – logico” o “guadagno-logico”!!!
Detto questo, ad esempio, cos’è più normale:
– consumare cereali integrali e le farine integrali che ne derivano, che sono prodotti integri come all’origine (ricchi di fibre e di micronutrienti),  oppure consumare cereali e farine ultra lavorate, raffinate a cui vengono tolte la maggior parte di fibre, vitamine e minerali (farine che rimangono ricche solo di carboidrati ad alto indice glicemico)?

Non mi dilungo su altri esempi, che oltre ai cereali e alle farine, sarebbero numerosi…

A presto

Chiara Marchionni